Palermo, arrestato marocchino per minacce a commerciante e clienti

Palermo. Estorsione ai danni di un commerciante connazionale. Questa è l’accusa per Kamal Lafroudi, 27enne di Casablanca, residente a Genova ma di fatto domiciliato a Palermo, che è stato  arrestato dai carabinieri della stazione Pretoria del capoluogo siciliano. La vittima e' un 51enne, titolare da circa quattro anni di un punto di ristorazione e annesso internet point nei pressi di piazza Giulio Cesare. Le pressioni sono iniziate nel gennaio scorso, quando l'arrestato si e' presentato nel locale e ha iniziato a infastidire clienti e impiegati con continue richieste che andavano da una sigaretta a una birra o a un panino. Il giovane, con sempre maggiore frequenza e aggressività pretendeva di mangiare e bere senza pagare. Numerose le liti provocate, giungendo a picchiare, a febbraio, un cliente che non intendeva piegarsi alle odiose richieste. Dopo pochi giorni il commerciante ha ricevuto a casa una telefonata dal connazionale che lo avvertiva che nel locale c'erano alcune persone che stavano danneggiando l'attività. Appena giunto sul posto, la vittima è stata subito avvicinata da Lafroudi che gli ha detto: "Mi devi dare solo dei soldi, 20 mila euro, se vuoi che io me ne vada". Stanco di subire vessazioni e constatando che il cliente "molesto" aveva provocato una riduzione consistente degli affari, il commerciante si è recato dai carabinieri e ha sporto denuncia. I militari, in abiti civili, hanno aspettato che Lafroudi riscuotesse la somma di 500 euro per arrestare il marocchino al termine di una colluttazione. Trattenuto nelle camere sicurezza, dopo la convalida dell'arresto e' stato posto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio rinviato al prossimo 25 marzo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati