Sicilia, Editoriali

Il Villaggio Santa Rosalia dimenticato? Il sindaco: subito più pulizia e cura del verde

Illustrissimo signor Sindaco, abito da quasi quattro anni al Villaggio S. Rosalia. Lavoro in una ditta privata con sede nel quartiere Villa Tasca e ho potuto notare parecchie differenze nella gestione dei due quartieri (entrambi della quarta circoscrizione). Villa Tasca è sempre manutenzionata dagli operatori della Gesip, dell'Amia e dell'Amia Essemme, purtroppo la stessa cosa non posso dire del Villaggio S. Rosalia.
Non si vede mai chi è addetto alla potatura degli alberi, chi deve tagliare l'erba sopra e sotto i marciapiedi e quando la raccolta della spazzatura non viene effettuata, davanti la Chiesa di San Raffaele Arcangelo si raccolgono centinaia di cartoni che i commercianti della zona gettano nei comuni contenitori.
Gli operatori dell'Amia, che il martedì devono ripulire la via Li Bassi da tutto quello che lasciano i venditori autorizzati e non, dopo il mercatino rionale sono dotati ormai soltanto di scopa e secchiello (come i bambini che vanno al mare) e la spazzatrice motorizzata che con tanto di getto d'acqua veniva inviata ogni martedì pomeriggio non la si vede da più di un anno.
Pago le tasse come ogni onesto cittadino e mi chiedo perchè non devo ricevere gli stessi servizi che invece ricevono gli altri. Sicuro che Lei sia la persona più adatta a far rispettare tali regole, attendo fiducioso una sua risposta (non tanto una bella lettera scritta ma fatti). Un suo elettore.
Antonio Marchese

Caro signor Marchese,
innanzitutto voglio ringraziarLa per il tono della Sua lettera, propositivo e attento.
E voglio rassicurarLa: questa mia risposta sarà seguita da fatti, quelli che Lei giustamente chiede a lettere maiuscole.
Mi permetta di fare una premessa: in una città grande come Palermo è possibile che si registrino alcune inefficienze nei servizi pubblici. Non che io consideri questa realtà come ineludibile e questi disservizi come fatti a cui ci si debba rassegnare. E fa molto bene Lei, signor Marchese, a rilevarli con passione.
E’ anche grazie alla segnalazioni dei cittadini che spesso veniamo a conoscenza di queste inefficienze che non sempre arrivano subito, e direttamente, a nostra conoscenza.
Questa rubrica che mi viene offerta dal Giornale di Sicilia deve servire anche a creare un filo diretto fra amministrati ed amministrazione, creando così un circolo virtuoso in cui sia il Comune che i cittadini fanno la propria parte. Il Comune fornendo nel modo migliore possibile i servizi, i cittadini ponendo le premesse per un crescente senso civico.
Ma andiamo alle Sue segnalazioni: ho accertato che, effettivamente, nella zona di via Li Bassi dove si svolge il mercatino settimanale da tempo non passa il mezzo per lo spazzamento motorizzato. L’Amia, infatti, ha molti mezzi guasti o in manutenzione ed è costretta ad allungare i turni. Il tempo da Lei indicato non è però rispondente ad alcun tipo di turnazione: già da martedì prossimo la zona sarà pulita con i getti d’acqua dopo la conclusione del mercatino. Allo stesso modo l’Amia provvederà a controllare con più attenzione la zona antistante la chiesa di S. Raffaele Arcangelo per evitare che si trasformi in un deposito di cartoni. Spero che i commercianti della zona ci aiutino  attenendosi agli orari di conferimento, in modo da evitare che subito dopo il passaggio dei mezzi dell’Amia i cassonetti tornino ad essere riempiti. Cosa che, purtroppo, accade di frequente.
Quanto all’attività degli operatori di Amia Essemme, già da domani sarà svolto un intervento straordinario di spazzamento in modo da riportare la situazione alla normalità ed ho chiesto al presidente Cucina, che mi ha rassicurato al riguardo, di verificare che i turni vengano rigorosamente rispettati.
Per quel che riguarda, infine, la potatura di alberi e piante, ho dato indicazione alla ripartizione Ville e Giardini di verificare se ci sono situazione fuori controllo e in ogni caso di rispettare il periodo in modo da garantire alle zone verdi di non entrare in sofferenza. Si tratta di una ripartizione che funziona con grande efficienza e, infatti, Palermo negli ultimi anni ha visto crescere in maniera costante le proprie aree a verde e oggi la nostra città, secondo le indicazioni dell’Istat, è la seconda in Italia per percentuale di crescita del verde cittadino.
La ringrazio signor Marchese di avermi scritto e spero che, anche senza il tramite del Giornale di Sicilia, continuerà a farlo. Per rilevare disservizi e guasti e, quando lo riterrà, per rassicurarci sulla bontà degli interventi eseguiti.
Il sindaco di Palermo Diego Cammarata

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati