Giustizia tributaria: in Sicilia crescono i ricorsi pendenti

In un anno 1.613 procedimenti in più: “L’organico dei giudici e quello del personale amministrativo sono carenti” dice Giorgio Giallombardo, presidente della commissione tributaria regionale

Palermo. Aumenta in Sicilia il numero dei ricorsi pendenti in appello alla commissione tributaria regionale. Se ne contano ben 14.151 fino a giungo del 2009, con un incremento in un anno del 12,86%, pari a 1.613 procedimenti in più rispetto a quelli stimati entro giungo del 2008. Cifre da capogiro, dunque, che questa mattina sono state presentate a Palermo, nella sede dello Steri in piazza Marina, dal presidente della commissione Giorgio Giallombardo, nel corso della cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario tributario. “Le tipologie di ricorsi presentati - ha spiegato – si riferiscono alle imposte dirette e indirette statali, con un incremento di quelle sull'imposta del valore aggiunto”. Così, i ricorsi hanno riguardato principalmente, nel 67% dei casi, i tributi erariali e per il restante 33% quelli locali. Dai dati presentati questa mattina risulta, inoltre, che i giudizi in appello sono stati vinti dal contribuente nel 37% dei casi, mentre nel 44,87% si sono conclusi a favore dell'amministrazione e nel restante 19% hanno avuto esiti di altro tipo. L’aumento dei ricorsi pendenti in appello alle commissioni tributarie in Sicilia va, però, di pari passo con la carenza di personale che si registra tra le fila dei dipendenti. Nell’Isola, infatti, si calcola una carenza di organico dei giudici pari al 51,49%, mentre le situazioni più critiche sono quelle che si delineano nelle province, in particolar modo nelle zone di Catania, Siracusa, Messina e Ragusa. “Anche la dotazione del personale amministrativo è da considerarsi carente – ha aggiunto Giorgio Giallombardo –. A fronte di un organico di diritto per l'intera regione di 243 unità, sono scoperti 21 posti”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati