Giustizia, Tar Catania: "Gravi carenza d'organico"

La denuncia arriva dal presidente Vincenzo Zingales, che nel corso dell'inaugurazione del nuovo anno giudiziario ha spiegato come l'aumento dei casi pendenti sia dovuta ai pochi uomini a disposizione

Catania. Sono 70.493, con un incremento di   1.441 casi in più rispetto all'anno precedente, i ricorsi pendenti, al 31 dicembre del 2009, al Tribunale amministrativo  regionale di Catania. Sono i dati resi noti dal presidente  Vincenzo Zingales alla cerimonia di inaugurazione del nuovo anno giudiziario del Tar del capoluogo etneo, spiegando che l'aumento  dei casi da trattare è esclusivamente legato alle carenze  nell'organico di personale a tutti i livelli. I magistrati in servizio, ricorda Zingales, sono rimasti gli  stessi: 20 invece dei previsti 26 che svolgono un carico di  lavoro di 120 sentenze di merito all'anno. Così come accade con  il personale di segreteria: 32 unità invece delle 36 previste. "La permanente gravissima insufficienza dell'organico in  tutti i settori - osserva Zingales - è il principale fattore  del progressivo aumento dell'imponente numero di ricorsi  pendenti". Il presidente sottolinea il rischio, legato alla carenza di organico, di "un prezzo sociale da pagare:  l'inevitabile e pericoloso aumento dei margini di errore nell'attività dei magistrati". Il presidente Zingales individua però anche due elementi  positivi: "il trasloco che dovrebbe avvenire entro il 2012  nella nuova sede del Tar di Catania, che è stata già  individuata" e "l'emanazione entro il prossimo 5 luglio del  nuovo Codice del processo amministrativo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati