Rifiuti, tre arresti a Palermo

Fermati tre uomini che trasportavano materiale ferroso senza autorizzazione. Da gennaio ad ora 37 arresti dei carabinieri per inquinamento ambientale

Palermo. E’ emergenza rifiuti a Palermo e in provincia e, dall’inizio dell’anno ad ora, in soli tre mesi si contano ben 37 arresti e 30 persone denunciate dal carabinieri del comando provinciale del capoluogo siciliano. Dati, questi, relativi ai reati di inquinamento ambientale, che emergono al quarto giorno di roghi notturni appiccati dai cittadini stanchi per i cumuli di rifiuti e le mini discariche che si creano ad ogni angolo della città e che con lentezza vengono smaltite. Gli ultimi interventi condotti dai carabinieri hanno portato all’arresto di tre persone. Gli agenti della stazione Palermo Uditore hanno fermato Alessandro Lombardo, palermitano classe 1982, mentre in via Stazzone a bordo di autocarro trasportava un’ingente quantità di materiale ferroso, tra cui pezzi di carrozzerie di autovetture, senza le necessarie autorizzazioni. L’uomo, dopo l’arresto, è stato trasferito in tribunale e giudicato per direttissima, con con la convalida dell’arresto e l’obbligo di presenza. Altri due arresti sono scattati, invece, in seguito ai controlli fatti dai carabinieri della Stazione Partanna Mondello. A finire in manette Salvatore Di Mariano, pregiudicato palermitano nato nel 1983, e Giovanni Palizzotto di Carini. I due, come nel caso precedente, sono stati sorpresi in via Dell’Olimpo a bordo di un autocarro, mentre trasportavano del materiale ferroso senza autorizzazione. Giudicati per direttissima, agli uomini è stato convalidato l’arresto e il rinvio dell’udienza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati