Lotta al cancro, a Palermo il primo forum di oncologia comparata

Una tre giorni di studi organizzata dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia insieme a quello del Piemonte, della Liguria e della Valle d’Aosta. "Casi simili per uomini e animali"

Palermo. Ha preso il via questa mattina, nell’aula magna dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, il primo forum mediterraneo di oncologia comparata, in collaborazione tra l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, della Liguria e della Valle d’Aosta, sotto il patrocinio della presidenza dell’Assemblea regionale siciliana e della Provincia regionale di Palermo. Nel corso della mattinata sono stati illustrati i risultati di ricerche realizzate da giovani ricercatori. Nel pomeriggio, a Palazzo Comitini, si svolgerà la cerimonia inaugurale con la lectio magistralis di Leonardo Santi, padre dell’oncologia comparata in Italia, che illustrerà lo stato dell’arte e le prospettive della ricerca.
“Gli animali sono stati considerati, nel passato, come strumenti di sperimentazione. Attualmente – sostiene il professor Santi - assistiamo a un cambiamento radicale perché in campo oncologico gli animali da compagnia, in particolare il cane, sono visti in rapporto egualitario con l’uomo in ragione della compatibilità dovuta alle dimensioni e alle caratteristiche genomiche che in molti casi sono simili. Quindi oggi c’è la possibilità di uno studio comparato non più provocando il tumore ma utilizzando i tumori che sorgono spontaneamente”. “Già da alcuni anni – rimarca il direttore generale dell’ Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, Andrea Antonio Riela - i piani sanitari nazionali pongono tra le priorità sanitarie lo studio epidemiologico delle malattie oncologiche per attivare futuri programmi di prevenzione e monitoraggio. Molte malattie e in special modo quelle oncologiche, trovano una piena corrispondenza con quelle animali e sono speso sovrapponibili, presentando un evidente ruolo di precoci indicatori di rischi ambientali divenendo un modello epidemiologico predittivo per la salute umana”.
Domani, nell’aula magna dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia, a partire dalle ore 9, interverranno, tra gli altri, Gaetana Ferri, direttore generale del Ministero della Salute, Angelo Ferrari, dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, della Liguria e della Valle d’Aosta, di cui dirige il centro di referenza nazionale sull’ oncologia comparata,  Gaspare Gulotta, direttore della Chirurgia generale d’urgenza del Policlinico di Palermo e Nicola Manolescu, presidente della società rumena di oncologia comparata. Sabato, ultimo giorno, si svolgeranno attività pratiche presso l’Istituto Zooprofilattico e il Policlinico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati