Ciancimino in aula, la difesa: "Guardi solo i giudici"

Battibecco fra l'accusa e l'avvocato Piero Milio che ha chiesto al figlio dell'ex sindaco di "evitare imbeccate"

Palermo. L'identità del signor Franco, il misterioso agente dei Servizi segreti che avrebbe avuto un ruolo nella trattativa tra mafia e Stato, e le contraddizioni presenti nel lungo racconto sui rapporti tra i carabinieri del Ros e l'ex sindaco mafioso di Palermo, Vito Ciancimino, sono stati i punti salienti del controesame di Massimo Ciancimino, figlio di don Vito, interrogato, oggi, dai legali del generale Mario Mori, imputato di favoreggiamento alla mafia davanti al tribunale di Palermo.    
Il processo, che vede sotto accusa anche il colonnello dell'Arma Mauro Obinu, è cominciato con un acceso battibecco tra l'accusa e l'avvocato Piero Milio che ha chiesto che il testimone fosse invitato a guardare solo i giudici per evitare imbeccate". Richiesta a cui il pm Nino Di Matteo ha risposto seccamente chiedendo la trasmissione del verbale d'udienza alla procura per chiarire a cosa si riferisse il legale.
Tre gli aspetti su cui ha puntato la difesa che ha cercato di far emergere presunte versioni contrastanti delle dichiarazioni di Ciancimino.




Una è relativa alla consegna del cosiddetto 'papello' con le richieste allo Stato del boss Totò Riina. Secondo Milio il testimone avrebbe prima dichiarato di averlo ricevuto dal medico mafioso Antonino Cinà, poi dal sig. Franco. Ciancimino ha spiegato che lo ricevette a fine giugno del '92 da Cina' in una busta chiusa di cui non conosceva il contenuto e che solo a luglio del '92 il sig. Franco, a cui venne mostrato, glielo fece vedere.    

Altro punto debole del racconto, secondo il legale e' rappresentato proprio dall'identificazione del signor Franco, mai individuato nonostante - ha ammesso il teste - più volte siano state mostrate a Ciancimino foto di appartenenti ai Servizi. Ai legali sembra incredibile che, nonostante anni di rapporti e contatti con l'agente Ciancimino non abbia consentito la sua identificazione né ne ricordi il numero telefonico.

Altro aspetto contraddittorio delle dichiarazioni di Ciancimino sarebbe il racconto della richiesta di passaporto, fatta dal padre ai carabinieri per incontrare all'estero il boss Bernardo Provenzano e che, secondo l'ex sindaco, i militari avrebbero autorizzato per potere poi incastrare Ciancimino e arrestarlo. I legali hanno messo in evidenza che in più occasioni il teste si sarebbe contraddetto dicendo che a sollecitargli la richiesta del documento sarebbe stato Provenzano, per poi sostenere che l'input sarebbe venuto da signor Franco. Ciancimino, sollecitato dai legali, ha ammesso che l'iter della sua collaborazione con i pm, cominciata ad aprile 2008, ha avuto un'evoluzione e che la verità sarebbe venuta fuori in modo "progressivo" nel tempo. Ciancimino ha anche spiegato di essersi avvalso della facoltà di non rispondere, nel 2005, in quanto sollecitato dalla procura, che lo indagava per riciclaggio , in un interrogatorio "anomalo".   Ora il teste sta rispondendo alle domande del tribunale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati