Parà siciliana morta a Ravenna: un indagato per omicidio colposo

Si tratta del direttore di lancio, esperto di paracadutismo abitante in provincia di Mantova

Ravenna. C'é un primo indagato per la morte di Melania Giovanna La Mantia, la caporale di 22 anni originaria di Trapani morta nei pressi dell'aeroporto La Spreta di Ravenna dopo il suo primo lancio con il paracadute. Si tratta del direttore di lancio, esperto di paracadutismo abitante in provincia di Mantova. L'ipotesi formulata dal pm Monica Gargiulo titolare del fascicolo è di omicidio colposo.
L'avvocato difensore dell'uomo - Claudio Arria, del foro di Mantova - dopo avere ricevuto nella notte di venerdì l'avviso da parte della Procura di Ravenna per un imminente "accertamento tecnico irripetibile", ha fatto richiesta, così come anticipato dalla stampa locale, di incidente probatorio. Questo ha fatto slittare a data da definirsi l'autopsia, che in un primo momento era stata fissata per ieri mattina. A questo punto anche l'indagato potrà nominare propri periti di parte. I rilievi, oltre che sul corpo della giovane, si concentreranno anche sul paracadute.
La ragazza, in servizio al 46° reggimento Trasmissioni dell'Esercito a Palermo, si era lanciata il 20 febbraio scorso attorno alle 16.30 ed è stata ripescata verso le 14.15 di giovedì a 12 metri di profondità nel laghetto di cava Cà Bianca, che dista qualche centinaio di metri dal limite della zona utile di atterraggio, una delle più grandi d'Italia per l'attività di lancio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati