Colombia, ucciso capo del narcotraffico

Gentil Gomez, comandante del Fronte 48, è morto durante uno scontro fra la polizia e l'aeronautica dello Stato colombiano e le Farc. Lo ha annunciato il ministro della Difesa

Bogotà. La polizia e l'aeronautica colombiana hanno ucciso, nel corso di una operazione condotta in gennaio, il più importante narcotrafficante in seno alla guerriglia delle Farc, le Forze armate rivoluzionarie colombiane (marxiste).
Lo ha annunciato il ministro della Difesa Gabriel Silva, precisando che è stato ucciso "Gentil Gomez, alias Edgar Tovar, comandante del Fronte 48 delle Farc, il più importante narcotrafficante" della formazione guerrigliera.
 Gomez è stato anche responsabile della sicurezza di Raul Reyes, ex numero due della guerriglia a sua volta ucciso nel marzo del 2008. Secondo Silva, Gomez "era incaricato del traffico di droga lungo la frontiera con l'Ecuador, e la sua morte rappresenta un indebolimento dei cartelli internazionali" colombiani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati