Confronto tra medici a Messina per la lotta alla "Glicogenosi II"

Una quindicina di persone in Sicilia sono affette da questa malattia rara. Il convegno organizzato dall'Università peloritana si svolgerà il 26 e il 27 febbraio

Sicilia, Salute

Palermo. Quasi 300 malati in Italia, 50 nel  sud Italia, una quindicina in tutta la Sicilia e adesso un film in uscita con Harrison Ford che interpreta un biologo che dedica  tutta la sua vita per trovare una cura a questa rara patologia:  la glicogenosi II.
La malattia sarà il tema del "III workshop italiano per la  gestione della malattia di Pompe" (conosciuta anche come  glicogenosi II) che si svolgerà il 26 e 27 febbraio a Messina.
Il convegno, organizzato dall'Università degli Studi di  Messina con il patrocinio di Aig (associazione italiana glicogenosi) e dell'Aim (associazione italiana di miologia) e promossa da Genzyme (azienda biotecnologica impegnata nella  ricerca, nel trattamento delle malattie rare da accumulo lisosomiale) fornirà a neurologi, pediatri, pneumologi,  neuropsichiatri infantili, genetisti e altri specialisti,  informazioni su aspetti clinici e terapeutici di questa malattia genetica multisistemica.
La glicogenosi II è una patologia molto rara che, fino al  2006, non aveva alcuna specifica terapia. Oggi è a disposizione una terapia enzimatica sostitutiva, il cui meccanismo di azione consiste nella sostituzione dell'enzima endogeno mancante (ERT)  (alfa-glucosidasi o maltasi acida) che determina la degradazione del glicogeno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati