Asili fantasma a Palermo: pronti e mai utilizzati

Sono chiusi per mancanza di fondi o di personale. A settembre dovrebbero aprire due strutture

Palermo. Pronti ma mai utilizzati. Quasi agibili, ma sulla carta ancora strutture "fantasma". È il controverso destino di alcuni asili cittadini, alcuni già consegnati ma al momento chiusi per mancanza di fondi o per carenza  di personale. È il caso dell'asilo Bandita, nell'omonima zona. La struttura si trova al centro di un paradosso: è pronta ma ancora inutilizzata per mancanza di personale. Dovrebbe tornare attiva soltanto a settembre. Stessa data, più o meno, per la riapertura della materna Santa Rosalia. A ottobre si decise la chiusura temporanea per il crollo di un soffitto. L'istituto è in grado di ospitare in totale ottanta bambini.
E intanto si annunciano novità dal Grillo parlante, nel quartiere San Lorenzo, chiuso per infiltrazioni dallo scorso ottobre. Cento bambini, costretti a restare a casa, sono pronti a tornare tra i banchi. Il Comune annuncia infatti la riapertura, programmata nei prossimi giorni. Ma ci sono anche altri asili pericolanti in città. In arrivo fondi regionali per riparare gli edifici.
Domani un ampio servizio sul Giornale di Sicilia in edicola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati