Agricoltura, la vastedda del Belice verso il riconoscimento Dop

Palermo. L'assessorato regionale delle Risorse agricole e forestali ha avviato la fase conclusiva della procedura per il riconoscimento della denominazione di origine protetta per la vastedda del Belice.  La domanda per il riconoscimento della denominazione è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea. Entro sei mesi, se non verrà presentata opposizione dagli altri Stati membri, la nuova Dop sarà iscritta ufficialmente nel registro delle denominazioni delle Dop e Igp dell'Unione europea ufficiale dell'Unione europea.
La Vastedda della valle del Belice è un formaggio di pecora a pasta filata che va consumato fresco, ottenuto con latte ovino intero, crudo, ad acidità naturale di fermentazione, di pecore di razza Valle del Belice. La zona geografica di allevamento degli ovini, di produzione del latte, di trasformazione e di condizionamento del formaggio è compresa in alcuni comuni della provincia di Agrigento (Caltabellotta, Menfi, Montevago, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita di Belice e Sciacca), Trapani (Calatafimi, Campobello di Mazara, Castelvetrano, Gibellina, Partanna, Poggioreale, Salaparuta, Salemi, Santa Ninfa e Vita) e Palermo (Contessa Entellina e Bisacquino limitatamente alla frazione San Biagio).
"Il riconoscimento della qualifica Dop alla Vastedda del Belice rappresenterà un giusto premio alla nostra tradizione contadina. Il paniere agroalimentare della Sicilia si potrà arricchire di una certificazione in più che accrescerà il già ricco carnet delle nostre eccellenze", afferma l'assessore regionale alle Risorse agricole Titti Bufardeci, che auspica l'ok di Bruxelles per il riconoscimento Dop del prodotto lattiero caseario del Belice.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati