Vancouver, il lato sexy delle Olimpiadi