Marsala, operaio morto: condannati due imprenditori

Tre anni di reclusione per omicidio colposo a Erasmo Mistretta e Girolamo Bonura per la morte di un operaio, Michele Cucchiara, 28 anni, deceduto nel 2005 dopo una caduta da un'altezza di circa 4 metri dall'immobile sul quale stava lavorando

Marsala. Il giudice monocratico di Marsala, Renato Zichittella ha condannato a 3 anni di  reclusione ciascuno, per omicidio colposo, Erasmo Mistretta e  Girolamo Bonura, titolari di una impresa edile di Salemi  (Trapani). I due imprenditori sono stati processati a seguito  della morte di un operaio, Michele Cucchiara, 28 anni, morto il  24 gennaio 2005, all'ospedale Civico di Palermo, dopo il grave  trauma cranico riportato, tre giorni prima, a Salemi, nella  caduta, da un'altezza di circa 4 metri, dall'immobile sul quale  stava lavorando. Il giudice ha, inoltre, condannato a 2 anni  Francesco Di Stefano, che stava conducendo altri lavori edili in  un cantiere accanto a quello in cui è accaduta l'incidente.  Secondo le perizie svolte da vigili urbani e ispettorato del  lavoro, l'operaio cadde nel vuoto, sbattendo la testa sul  pavimento in calcestruzzo, mentre stava montando il ponteggio.  Ma secondo il fratello della vittima, Vito Cucchiara, anche lui  costruttore, "Michele stava lavorando su un tetto senza  ponteggio ed eventuali protezioni". I tre imputati condannati  hanno, comunque, potuto beneficiare, per legge, del condono della pena.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati