Messina, avvocato ucciso dall'ex suocero con due colpi di fucile

Antonio Fazio, 42 anni, è stato freddato davanti al figlio di 13 anni in via Placida da Giuseppe Signorino, 68 anni, che si è costituito a Catania. I figli del legale erano scomparsi con la nonna materna lo scorso 28 gennaio

Messina.  Si è costituito ai carabinieri di Catania Giuseppe Signorino, 68 anni, impiegato comunale in pensione, l'ex suocero dell'avvocato Antonio Fazio, ucciso questa sera a Messina, che ha ammesso di essere l'autore dell'omicidio.Al momento dell'omicidio
il legale era col figlio di 13 anni. Signorino lo ha quindi ucciso davanti al nipote. Poi avrebbe preso il ragazzino e lo avrebbe portato a Misterbianco (Catania), dove abita la figlia. Quindi si è recato dai carabinieri ammettendo il delitto. Fazio, 42 anni, noto avvocato civilista è stato freddato con due colpi di fucile in via Placida. L'avvocato, figlio di un altro legale molto noto a Messina ora deceduto, Vittorio, era appena sceso da casa in via Santa Maria dell'Arco e dopo aver girato l'angolo di via Placida è stato ucciso a fucilate. I figli di Fazio, un ragazzino di 13 anni e una bambina di 11 anni erano scomparsi dal 28 gennaio scorso con la nonna materna. La vittima, infatti, stava affrontando una causa con la ex moglie, dopo la separazione, e il 29 gennaio scorso il tribunale aveva deciso di affidare i figli ad una casa famiglia. La ex moglie del legale avrebbe trovato in casa un biglietto, firmato dalla madre, in cui era scritto. "Non ti arrabbiare, volevano scappare da soli e io li ho aiutati. Stai tranquilla".  Da quel giorno la donna non avrebbe più avuto notizie dei figli e ha presentato una denuncia per sottrazione di minori. Del caso si è interessata anche la trasmissione di Rai 3 "Chi l'ha visto?"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati