Fiat, Fiorello a Marchionne: "Salva Termini"

Lo showman siciliano sul suo sito ufficiale si rivolge all'amministratore delegato dell'azienda: "Ci sono due anni di tempo per cambiare idea"

Palermo. "Caro Sergio Marchionne, anni fa hai salvato la Fiat da una situazione difficile. Ora salva Termini Imerese!". È la richiesta, rivolta anche alla Confindustria e al governo, con cui Fiorello risponde oggi, dalla home page del suo sito ufficiale (www.rosariofiorello.it), all'appello degli operai di Termini Imerese che, proprio tramite Internet, da Facebook, gli avevano chiesto di interrompere gli spot della Fiat per solidarietà. Operai che, sottolinea lo showman, non sono "rami secchi", ma "persone, famiglie che non avranno più uno stipendio".     "Ho letto i vostri appelli e, da padre di famiglia, per di più siciliano, sono molto colpito, non solo dalla situazione di Termini Imerese, ma anche dal ruolo che mi state attribuendo, che va oltre, purtroppo, le mie possibilità di artista", scrive Fiorello. "Rispondo solo ora - prosegue - perché la questione è seria, e seria e meditata volevo fosse una mia risposta. Volevo essere certo di fare la cosa giusta, evitando anche di prendere posizioni demagogiche che non credo, a questo punto, servano a nessuno".
L'atteggiamento di Fiorello è molto serio, deciso e sensibile al problema dei suoi conterranei.  "Fiorello interrompi la pubblicità", avevano scritto gli operai della Fiat di Termini Imerese. "A dirsi è semplice - è la risposta dello showman - ma anche volendo non potrei farlo. Senza contare che gli spot sono già stati registrati, e sono di proprietà esclusiva della Fiat. Cosa faccio, chiamo Marchionne al telefono e gli dico 'Interrompi la pubblicità' perché devo dare un segnale forte?'Servirebbe a qualcosa? Aiuterebbe gli operai di Termini Imerese? Se la Fiat mi usa come testimonial vuol dire che aiuto a vendere qualche auto in più. Quindi, non facendo pubblicità, possiamo dire che danneggerei la Fiat? E quindi, indirettamente, altri operai? Il segnale lo stiamo mandando adesso. Voi che mi avete scritto su Facebook, io che sto rispondendo".
Infine Fiorello si chiede se qualcuno dirà che la sua è una scelta di comodo. "Io spero - aggiunge  - che, al di là delle opinioni personali, venga rispettata la mia decisione di fare semplicemente il mio mestiere, aiutando magari a far vendere più macchine nella speranza che anche altri operai non abbiano questi problemi. Ai vertici dell'Azienda, a Confindustria, al Governo, a chi può e deve risolvere questa grave situazione dico: capisco le logiche aziendali che portano, talvolta, a tagliare i rami secchi per salvare tutto un albero. In questo caso, però, i rami sono persone, sono famiglie che non avranno più uno stipendio. Ci sono due anni di tempo prima della chiusura annunciata dello stabilimento. Caro Sergio Marchionne, anni fa hai salvato la Fiat da una situazione difficile. Ora salva Termini Imerese! Da parte mia, vi prometto che sarò portavoce delle vostre istanze nei confronti della Fiat e non smetterò di tenere accese le luci su Termini Imerese". Firmato Rosario Fiorello.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati