Sciacca, preside nega scuola per un convegno sulla mafia: polemica

Il dirigente dell'istituto professionale per l'industria (Ipsia) Sergio Panunzio, ha negato la concessione dell'aula magna alla Fondazione Miraglia, che protesta: "Decisione aberrante"

Sciacca. Il preside dell'istituto professionale per l'industria (Ipsia) di Sciacca, Sergio Panunzio, ha negato la concessione dell'aula magna della sua scuola alla Fondazione Miraglia per il convegno su "La giustizia in Italia dal caso Miraglia in poi" alla presenza di magistrati, giornalisti, imprenditori e politici in programma per il 22 febbraio. Nico Miraglia, presidente dell'omonima fondazione e figlio di Accursio Miraglia (sindacalista ucciso dalla mafia nel 1947), definisce la decisione del dirigente scolastico "aberrante". Il preside spiega la sua scelta con l'opportunità di evitare che la scuola venga strumentalizzata, ma si dice anche disponibile a rivedere la sua opinione se si organizzassero eventi nei quali sia garantita la "par condicio", ritenendo evidentemente che l'evento in programma fosse di parte. Tra gli ospiti invitati c'é anche l'ex presidente della commissione Antimafia Giuseppe Lumia. Di recente un deputato di Sciacca, Giuseppe Marinello (Pdl), ha presentato un'interrogazione al ministro dell'Istruzione per sapere se il preside del liceo classico di Sciacca abbia rispettato le regole concedendo l'aula magna della sua scuola ad un'altra iniziativa antimafia a suo dire "di parte". "Non vorrei - dice Nico Miraglia - che quanto avvenuto nelle settimane scorse abbia intimidito il preside Panunzio, e vorrei peraltro ricordare che l'Ipsia è intitolato proprio ad Accursio Miraglia. E' a lui che oggi si è negata l'aula magna"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati