Picchia e minaccia di morte moglie e figli, romeno arrestato a Ragusa

Avrebbe anche più volte intimidito le sue vittime con un coltello da cucina, che era solito portare con sé anche quando dormiva. L'uomo è anche accusato di avere avuto "comportamenti sessuali" davanti ai piccoli

Ragusa. Un romeno di 42 anni, C. G., è stato arrestato dalla squadra mobile della Questura di Ragusa per maltrattamenti alla moglie e ai suoi tre figli, due dei quali minorenni, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dal Gip Giovanni Giampiccolo, su richiesta del sostituto procuratore Monica Monego.
Secondo l'accusa l'uomo avrebbe creato un clima di tensione in famiglia picchiando i suoi congiunti con calci, schiaffi, pugni e anche con il lancio di sedie e di oggetti vari. Il romeno avrebbe anche più volte minacciato di morte le vittime della sua violenza utilizzando un grosso coltello da cucina, che era solito portare con sé anche quando dormiva, tenendolo sotto il cuscino del letto. L'uomo è anche accusato di avere avuto "comportamenti sessuali" davanti ai figli.
Le indagini, svolte da un'apposita sezione specializzata contro le violenze su minorenni e donne della squadra mobile di Ragusa, sono state avviate dopo la denuncia delle vittime, che erano entrate in contatto con il locale Centro antiviolenza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati