Riaperta al pubblico la stanza del delitto della Baronessa di Carini

L'ala ovest del castello è stata restaurata e ora sarà possibile visitarla.

Carini. E' stata riaperta al pubblico, in seguito ai lavori di restauro, l'ala ovest del castello di Carini, in provincia di Palermo. Si tratta del settore che contiene la stanza in cui fu uccisa la Baronessa, la nobildonna Laura Lanza di Trabia, assassinata il 4 dicembre del 1563 insieme al  suo amante Ludovico Vernagallo. Secondo la leggenda a ucciderli  fu il padre della baronessa, Cesare Lanza, barone di Trabia e conte di Mussomeli, con il beneplacito del marito della donna,  il barone di Carini, Vincenzo La Grua Talamanca. Sempre secondo la leggenda, in questa sala la nobildonna prima di morire avrebbe lasciato un'impronta della sua mano insanguinata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati