Ciancimino e quella lettera a Berlusconi