Centrale esplosa in Usa, il sindaco di Melilli: "Notte di angoscia"

Il primo cittadino del comune siracusano: "Contatti avviati per verificare se ci sono nostri emigrati coinvolti"

Siracusa. "Da noi la nottata appena trascorsa è scivolata via tra la comprensibile apprensione generale ma senza tuttavia che si sia venuta evidenziando qualche situazione particolare". Lo ha detto questa mattina Giuseppe Sorbello, sindaco di Melilli, la cittadina del Siracusano dalla quale nei primi anni del '900 del secolo scorso partì un consistente flusso migratorio alla volta proprio di Middletown, dove esiste una assai numerosa 'colonia' di melillesi ormai anche di quarta e di quinta generazione.
"Abbiamo seguito nella notte - ha spiegato Sorbello - la conferenza stampa del sindaco di Middletown, che ha fissato per il bilancio dell'incidente in cinque vittime ed una dozzina di feriti senza tuttavia che sia stato ancora per noi possibile conoscere l'identità delle vittime". "Tuttavia - ha aggiunto - non mi risulta, sino a questo momento, che qui a Melilli vi siano famiglie che non siano riuscite a contattare i loro familiari a Middletown". "Non appena anche lì sarà passata la nottata - ha concluso - riprenderemo i contatti che la scorsa notte abbiamo messo in piedi grazie anche alle relazioni parentali di nostri amministratori".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati