La Juve non si sblocca: 1 a 1 a Livorno

Gli uomini di Zaccheroni vanno sotto contro gli amaranto. Al gol di Filippini risponde Legrottaglie. Adesso i bianconeri sono sesti, la Champions è sempre più distante

Livorno. Il Livorno festeggia, la Juve vede la Champions sempre più lontana. Al Picchi finisce 1-1, con Legrottaglie che risponde al gol iniziale di Filippini. La rivoluzione in casa bianconea ancora non dà i frutti sperati. Zaccheroni sceglie una difesa a tre con Legrottaglie tra Cannavaro e Chiellini. Poi un centrocampo con Caceres e Grosso esterni alti per cercare la superiorità. Confermato Diego dietro Amauri e Del Piero. La prima occasione della gara è per il Livorno: Pulzetti dal limite lascia partire un sinistro a girare che termina di poco a lato. E’ il preludio al gol che arriva al 25′: cross di Vitale e colpo di testa vincente di Filippini. La Juve a quel punto si fa prendere dal panico: Zaccheroni chiede più movimento a Amauri ma sono i toscani sfiorano il raddoppio con Bellucci, sempre pericoloso. Ma come spesso succede, nel momento migliore di una squadra, arriva il pareggio avversario. Il pari bianconero colpisce inaspettato: punizione in verticale di Diego e colpo di testa vincente di Legrottaglie. Nella ripresa Zaccheroni cerca e vuole i tre punti. fuori Cannavaro e Grosso (dentro Zebina e De Ceglie), ma la situazione non cambia. Bianconeri troppo imprecisi nonostante miglioramenti apprezzabili, Livorno stremato bene soprattutto in difesa. Alla ine Cosmi si prende il punto, Zaccheroni rimanda l’appuntamento con la prima vittoria in bianconero. E la Champions è sempre più lontana: ora i bianconeri sono sesti, a due punti dal Palermo e a 3 dal Napoli. Ma domani il distacco potrebbe essere molto più pesante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati