Ingroia: la sentenza della Cassazione è una catastrofe

Palermo. "Una catastrofe, dai potenziali effetti devastanti. E per rimediare occorrerà un immediato intervento del legislatore". Non usa mezze misure, commentando i possibili effetti della sentenza della Cassazione sulla competenza della Corte d'assise nei reati di mafia, il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia.
"Non ne conosciamo ancora la motivazione - dice Ingroia – ma il dispositivo è già abbastanza chiaro. Noi abbiamo studiato le posizioni del Tribunale e della Corte d'assise di Catania, che si erano entrambi dichiarati incompetenti, e propendiamo per la tesi che confermerebbe la competenza a giudicare in capo ai Tribunali". Il vice di Francesco Messineo (che ha convocato una riunione ad hoc della Dda per lunedì 15 febbraio) sostiene che con il passaggio dei processi di mafia in assise si creerebbe un sovraccarico per le Corti e "si tradirebbe - aggiunge – lo spirito della legge, che vuole che i giudici popolari si occupino solo dei fatti di sangue e non di quelli associativi".
"Se dovesse prevalere la tesi della competenza delle Corti d'assise - continua il pm palermitano - sarebbe una vera e propria catastrofe, perché la questione si potrebbe porre in ogni stato e grado del procedimento. Con effetti che vanno dal regresso del processo in primo grado alla cancellazione di sentenze nei dibattimenti quasi conclusi. E qui si tratta dei capi dell'associazione mafiosa. Altro che processo breve. Sarebbe molto peggio, e gli effetti si ripercuoterebbero nelle vicende di mafia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati