Ars, una legge sulle professioni sanitarie

Per quattro settori specifici ogni Asp dovrà dotarsi di un dirigente che dovrà organizzare il lavoro e formare il personale

Palermo. L'Ars ha approvato stasera all'unanimità (55 presenti, 54 votanti) in aula la legge sull'istituzione delle Unità operative delle professioni sanitarie. Il provvedimento prevede che quattro settori specifici presenti in ogni azienda sanitaria dovranno dotarsi di un dirigente il cui compito sarà organizzare il lavoro e formare il personale.
I settori interessati sono ostetricia e servizi infiermeristici, tecnici delle professioni sanitarie  (laboratori, radiologia, neurofisiopatologia), riabilitazione, vigilanza (veterinari, vigili sanitari). E riguarderanno ciascuna delle 17 aziende sanitarie siciliane. "Presso la direzione aziendale degli ospedali potranno essere istituite nuove unità operative. I nuovi direttori delle unità operative faranno parte degli uffici di staff dei direttori generali", affermano Nino Dina e Toto Cordaro, primi firmatari della legge sulle professioni sanitarie.
"Le nuove Unità operative - proseguono - concorreranno alla  realizzazione degli obiettivi delle Aziende sanitarie provinciali e territoriali attraverso i criteri determinati da un decreto dell'assessore alla sanità successivo al parere obbligatorio della VI commissione dell'Ars".
"La legge - concludono - assicura efficienza, efficacia e qualità dei servizi al cittadino in termini di prevenzione, cura e riabilitazione. Le norme danno dignità professionale a  taluni operatori della sanità formati attraverso specifici corsi universitari".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati