Fiat di Termini, riparte la produzione

Cancelli aperti dopo lo stop forzato annunciato dall'azienda per la protesta degli operai dell'indotto: per nove giorni sono stati sul tetto dello stabilimento

Palermo. Ieri l'appello del Papa, oggi la produzione che riparte. Sono tornati al lavoro gli operai della Fiat di Termini Imerese, dopo che l'azienda nei giorni scorsi aveva sospeso la produzione a causa delle proteste che avevano bloccato l'ingresso delle merci nello stabilimento. Alle 10.20 è prevista un'ora di assemblea sindacale, a cui partecipano i lavoratori del primo turno. Altre due assemblee, sempre di un'ora ciascuna, si svolgeranno nel pomeriggio per gli addetti al secondo turno e stasera dalle 22 alle 23, quando saranno al lavoro le squadre della manutenzione. Le assemblee sono state convocate per comunicare ai dipendenti l'esito dell'incontro di venerdì tra azienda governo e sindacati che si è svolto al ministero delle Attività produttive. Come tutte le altre fabbriche della Fiat, Termini Imerese, che produce le Lancia Ypsilon, si fermerà per la cassa integrazione dal 22 febbraio al 5 marzo. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati