Pantera rosa: Hernandez stende la Fiorentina

L'attaccante uruguaiano schierato a sorpresa da Rossi segna una doppietta nel primo tempo. Nella ripresa chiude i conti Budan. Palermo quinto, scavalcata la Juve

Palermo. La pantera rosa-nera del Palermo fa viola la Fiorentina. È la giornata di Hernandez. Schierato titolare a sorpresa da Delio Rossi, il giovane uruguaiano segna una doppietta e gioca una partita da applausi. Il Palermo strapazza i toscani, scavalca la Juventus e si prende il quinto posto, a tre punti dal Napoli. Con una squadra così convinta, con un allenatore tutto arrosto e niente fumo sognare non è peccato.
Se Delio Rossi ha lanciato il sudamericano dal primo minuto un motivo ci sarà. Il baby attaccante prima spaventa due volte Frey, al 22’ dopo aver superato Felipe calcia a lato, un minuto dopo si infila fra due avversari e conclude bene ma il portiere francese blocca a terra. Sono le prove generali del gol che arriva al 27’. Grande giocata di Miccoli che lascia partire un tiro che si stampa sulla traversa, tap-in da perfetto cestista di Hernandez che con un colpo di testa mette alle spalle di Frey. La Fiorentina subisce il colpo. Al 31’ un ispiratissimo Miccoli ci prova ancora dal limite dell’area, l’estremo difensore viola mette in angolo. Il Palermo si diverte, sale in cattedra Pastore che al 37’ serve con un tocco felpato d’esterno Hernandez che sullo scatto brucia i difensori toscani e sigla il 2-0. Prima del riposo ancora Miccoli va vicino al gol ma Frey esce bene ed evita il tracollo.
Nella ripresa parte meglio la Fiorentina. Al 48’ sinistro di Marchionni da fuori area splendida risposta di Sirigu. Due minuti dopo l’esterno numero 32 ci riprova con un destro dalla distanza che si spegne abbondantemente sopra la traversa. È ancora Marchionni al 53’, servito da Gilardino, a cercare il gol per riaprire la gara ma la sua conclusione è ancora sballata. Più preciso Montolivo che al 55’ sfiora il palo con una staffilata dal vertice dell’area. Rossi vede i suoi in difficoltà e toglie l’uomo partita. Hernandez esce tra gli applausi del Barbera. Dentro i muscoli di Budan. Per la squadra di Prandelli, però, non è giornata e il Palermo al primo affondo del secondo tempo chiude definitivamente i conti. Punizione battuta da Miccoli dalla tre quarti, sponda di Liverani per Budan che con uno splendido destro al volo batte per la terza volta il povero Frey. Rossi ha avuto ragione, ancora una volta. La Fiorentina però non tira i remi in barca. Al 62’ Mutu, sugli sviluppi di un angolo, sferra un destro potente ma centrale, Sirigu regala spettacolo respingendo. Mischia al 72’, Felipe da due passi non riesce a concludere degnamente, palla tra le braccia del portiere sardo. Al 78’ va fuori Miccoli, anche per lui ovazione del pubblico, entra il centrocampista argentino Bertolo. All’85’ ancora grande Sirigu su Jovetic che sbaglia un rigore in movimento. All’89’ Mutu meriterebbe il gol della bandiera viola ma la sua girata sfiora il sette.
L’unica nota negativa di una giornata coi fiocchi è l’infortunio di Liverani che esce per Blasi. Non sembra nulla di grave, ma il Palermo ha bisogno come il pane del suo regista per questo gran bel film: “Sognando la Champions”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati