Giovanni peggiora: trasferito all'Ospedale dei bambini di Palermo

Disposto il ricovero nel capoluogo siciliano per il dodicenne che si è salvato dal crollo di Favara grazie a una chiamata col cellulare

Favara. Prima si è salvato grazie al cellulare, adesso però è peggiorato il piccolo Giovanni Bellavia, 12 anni, tirato fuori dalle macerie dopo il crollo della sua casa a Favara, che ha ucciso le sue due sorelline. In serata i medici hanno disposto il trasferimento in elisoccorso all'Ospedale dei bambini di Palermo, nel reparto di chirurgia toracica.
Intanto le salme di Marianna e Chiara Pia, le bambine di 14 e 3 anni rimaste uccise questa mattina nel crollo della loro casa in via del Carmine a Favara, sono state dissequestrate, dal sostituto procuratore Lucia Brescia che è titolare del fascicolo d'inchiesta e, restituite ai familiari. Sui corpi non è stata eseguita autopsia, ma una ispezione cadaverica che ha appurato che le bambine sono decedute per trauma da schiacciamento. Lunedì, nel cimitero comunale di Favara, verranno celebrati i funerali. L'area della palazzina crollata è stata transennata e sequestrata. La procura di Agrigento acquisirà dal Comune di Favara e dal Genio civile tutta la documentazione relativa allo stabile crollato.




© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati