Favara, quel che resta tra le macerie