Laboratorio Zeta: non convalidati arresti

Palermo. Sono state scarcerate le tre persone arrestate, ieri, per resistenza a pubblico ufficiale, durante i tafferugli scoppiati, tra polizia e manifestanti, nello sgombero del centro sociale Laboratorio Zeta di Palermo.
Il giudice monocratico Vittorio Alcamo non non ha convalidato gli arresti e ha ordinato la liberazione degli indagati ritenendo che non ci fosse la prova della loro partecipazione ai disordini.
Uno dei tre manifestanti, Gandolfo Sausa, professore di religione, ha chiesto di essere processato col rito abbreviato ed è stato assolto. Era difeso dall'avvocato Odette D'Aquila. Le posizioni degli altri due, Kevin Giacalone e Fabio Lauretta, assistiti dai legali Elena Maiorca, Francesco Bertorotta e Luigi Carta, sono state stralciate e gli atti trasmessi alla Procura perché prosegua le indagini ed eventualmente formuli il capo di imputazione. Il giudice, oltre a sostenere che non c'era la prova del coinvolgimento dei tre negli scontri, ha accolto la tesi dei legali che escludevano ci fossero i presupposto per l'arresto in quasi flagranza effettuato dagli agenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati