Denise, le tappe della vicenda

Il mistero intorno alla scomparsa di Denise Pipitone comincia il primo settembre del 2004, quando la piccola, quattro anni, sparisce nel nulla tra la via La Bruna e la via Castagnola, a Mazara del Vallo (Trapani).
Nessun testimone oculare, solo un cuginetto racconta alla nonna e alla zia di avere visto Denise fino a pochi istanti prima ma che all'improvviso ne aveva perso le tracce. Nessuno ha visto nulla, nessun testimone oculare si è mai fatto vivo. Iniziano gli appelli disperati della madre di Denise, Piera Maggio, che negli ultimi cinque anni ha girato l'Italia alla prima notizia di un avvistamento della bambina. Sempre falsi allarmi.
Intanto viene fuori che il padre della piccola non è il marito di Piera Maggio, ma un uomo con il quale anni prima la donna aveva avuto una relazione sentimentale. Da qui emergono anche numerosi contrasti tra le due famiglie e  nel 2006 viene iscritta nel registro degli indagati Jessica Pulizzi (oggi rinviata a giudizio), sorellastra di Denise Pipitone, che all'epoca della scomparsa della piccola era minorenne. Viene captata una sua frase nella caserma dei carabinieri mentre parla con la madre. Nelle oltre 300 mila pagine relative al caso Denise si evidenzia che "coinvolta in modo diretto nel rapimento, è proprio la sorellastra, Jessica Pulizzi".
In questi anni Piera Maggio non si è mai arresa: "Denise è viva e questa storia non è ancora finita. Ringrazio tutti gli amici che ci sostengono, anche via internet su Facebook o direttamente collegandosi al sito ufficiale. Sono proprio tutte le persone che ci seguono a darci la forza di continuare a sperare".
Va anche a Roma e si incatena per qualche giorno davanti al Quirinale per "avere notizie di Denise ". Intanto, il Ris di Roma ha elaborato l'immagine di Denise Pipitone come dovrebbe essere oggi. I carabinieri hanno utilizzato la tecnica dell'”age progression", che riproducono, attualizzandole, le verosimili sembianze della bambina scomparsa il primo settembre di 4 anni fa a Mazara del Vallo e che oggi compie nove anni.
Oggi un altro passo in avanti: il rinvio a giudizio di Jessica Pulizzi, 22 anni, sorellastra della vittima, accusata di sequestro di persona e l'ex fidanzato di quest'ultima Gaspare Ghaleb, tunisino accusato solo di false dichiarazioni ai pm.
La madre di Denise, Piera Maggio e suo marito, Tony Pipitone, si sono costituiti parte civile al processo, così come il padre naturale Piero Pulizzi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati