Imprenditore ostaggio di rapinatori in casa sua a Milano

Milano. Hanno aspettato il padrone di casa nell'androne del palazzo e, dopo averlo minacciato con una pistola, lo hanno costretto ad aprire la porta del proprio appartamento, tenendolo in ostaggio per quasi mezz'ora assieme alla moglie. La vittima della rapina in abitazione, messa a segno la scorsa notte in via Fra Cristoforo, a Milano, è un piccolo imprenditore di 51 anni. Intorno alle 3 del mattino l'uomo è stato bloccato da due banditi, di cui uno armato, mentre stava rincasando. Dopo essersi fatti consegnare il portafogli che conteneva 500 euro e il telefonino, i malviventi, con una minaccia, lo hanno costretto a salire nell'appartamento: "Uno di noi è già in casa con tua moglie".
Quando l'uomo, però, ha aperto la porta di casa, ha scoperto che i banditi avevano bluffato. La moglie, di 48 anni, stava infatti tranquillamente dormendo. Una volta all'interno, i rapinatori si sono fatti aprire la cassaforte in cui erano custoditi denaro, gioielli e una pistola semiautomatica, prima di fuggire. Il bottino ammonta a circa 25 mila euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati