Stupefacenti da Germania e Olanda

Le indagini dei carabinieri evidenziano come lo stupefacente proviene dal nord Europa, in particolare dalla Germania e Olanda, e viene venduto al dettaglio a basso prezzo. Una pasticca di ecstasy costa sui 10 - 20 € ma (il costo di produzione non supera i 50 centesimi). L’ecstasy viene ceduta in genere sotto forma di compresse colorate su cui è impresso un nome o disegni originali (ad esempio una mezzaluna, un cuore, un delfino) che rappresentano la "griffa" (che in gergo tecnico viene denominata “designers drugs”) che le contraddistingue sul mercato e ne indica i differenti effetti. Questa sostanza stupefacente è un brevetto farmaceutico dei primi anni del '900 ma, oggi giorno, non trova utilizzo medico perché in poco tempo può provocare seri danni cerebrali.
Le conseguenze psichiche e comportamentali per l’impiego di questi farmaci, assunti dai giovani molto spesso in maniera saltuaria e in luoghi di aggregazione, includono dopo un week-end di euforia (grazie alla capacità di abbassare lo stato di ansia e aumentare la resistenza psichica dei soggetti per le sue proprietà sedative) una successiva facilità al malumore e ostilità. In alcuni casi può aversi una vera e propria depressione e paranoia. L'ecstasy assunta spesso in combinazione con bevande alcoliche, risulta molto pericolosa soprattutto per i gravi disturbi dello stato di attenzione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati