Lavoro nero nel Catanese, 3 arresti e 5 denunce

Catania. Tre arresti e cinque denunce: è il bilancio di un'operazione contro lo sfruttamento di manodopera di cittadini extracomunitari e favoreggiamento della immigrazione clandestina è stata compiuta da carabinieri della compagnia di Paternò.
Tra i denunciati una casalinga di 48 anni di Paternò che aveva affittato un proprio seminterrato di 12 metri quadrati a extracomunitari irregolari facendo pagare 150 euro ciascuno per la locazione. L'immobile è stato sequestrato e la donna indagata per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.
Sempre a Paternò è stato denunciato un meccanico di 40 anni per aver impiegato nella propria officina meccanica un cittadino extracomunitario irregolare.
Ad Adrano una pattuglia ha bloccato un furgone Turbo Daily diretto in un agrumeto della zona con a bordo alcuni cittadini extracomunitari irregolari, che sarebbero stati impiegati sotto costo nella raccolta manuale delle arance. È così scattato il deferimento alla Procura della Repubblica di Catania per due “caporali”, un 34enne ed un 32enne. A Paternò, in piazza Regina Margherita, due cittadini algerini di 29 e 33 anni, e un egiziano di 23 anni, sprovvisti di documenti identificativi, sono risultati essere destinatari di diversi provvedimenti di espulsione emessi dalle autorità prefettizie di Catania, Crotone e Salerno, tra il 2007 ed il 2009, a cui non avevano ottemperato trattenendosi illegalmente sul territorio nazionale. Pertanto tutti e tre sono stati dichiarati in arresto e condotti in carcere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati