Pedopornografia sul web: dieci arresti

Operazione della polizia postale di Bari che sta perquisendo le case degli indagati. Sono accusati di aver scambiato tramite internet foto di bimbi vittime di rapporti sessuali

Bari. Con l'accusa di aver scambiato in Internet file pedopornografici che ritraevano bambini, anche di tre-quattro anni, vittime di rapporti sessuali completi, undici persone vengono sottoposte a misura cautelare tra Puglia, Lombardia, Marche e Campania. L'operazione è compiuta dalla polizia postale di Bari, che sta eseguendo anche perquisizioni nelle residenze degli indagati.
I provvedimenti restrittivi (sei in carcere, quattro ai domiciliari e un'interdizione all'uso del computer) sono firmati dal gip del tribunale di Bari Jolanda Carrieri su richiesta del pm inquirente, Roberto Rossi. Il reato contestato agli undici è di pedopornografia informatica sotto la forma del commercio di  file pedopornografici.
Durante le indagini la procura di Bri ha sequestrato, nel corso di centinaia di perquisizioni, numerosi file pedopornografici. I file pedopornogafici venivano  scambiati - secondo le indagini - nella comunità informatica di E-mule nella quale - a quanto viene reso noto - non c'é un server centrale che gestisce e controlla le operazioni, ma ogni utente registra una cartella e condivide i file con altri utenti. Per i file pedopornografici gli utenti usavano barattare le foto con altre immagini fotografiche.
In base agli accertamenti della procura di Bari, gli scambi erano assai proficui, come dimostrano le centinaia di foto (di provenienza dell'ex Unione Sovietica e orientale) sequestrate nel corso delle indagini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati