Nuove intimidazioni per Massimo Ghini

Roma. Massimo Ghini è stato nuovamente vittima di intimidazioni da parte di sconosciuti che, sempre in riferimento all'Imaie, gli hanno intimato di non sollevare polveroni sulla vicenda: lo rende noto il sindacato degli attori presieduto dallo stesso Ghini.
Il 30 dicembre, l'attore aveva ricevuto telefonate anonime in cui veniva chiamato 'sporco comunista' con l'ammonizione a stare alla larga dell'Istituto. Gli avvertimenti sarebbero da collegare all'impegno di Ghini nel consiglio di amministrazione dell'Imaie, l'istituto per la tutela degli artisti, interpreti ed esecutori, ora affidato a commissari liquidatori e al centro di inchieste della magistratura romana.
Il sindacato - si legge in una nota - "torna dunque a denunciare, a distanza di pochi giorni, quanto di grave sta accadendo ai danni del presidente sottolineando, ancora una volta, l'importanza delle decisioni che la magistratura e gli organi di Governo competenti devono prendere in materia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati