Fiat, all'indiana Tata non interessa Termini

La casa automobilistica non ha intenzione di rilevare le linee di produzione dello stabilimento: "L'ipotesi è stata ventilata solo dai media"

La indiana Tata, alleata di Fiat in India con cui ha costituito una joint venture, non è interessata a rilevare le linee di produzione di Termini Imerese. Lo ha reso noto oggi stesso lo stesso presidente della compagnia, Ratan Tata.
   In una conferenza stampa in occasione dell'inaugurazione del decimo Auto Expo di New Delhi, Tata ha ammesso che l'ipotesi "é stata ventilata dai media", ma che "non la stiamo prendendo in considerazione". La notizia di un possibile interessamento di due case automobilistiche indiane (Tata e Mahindra & Mahindra) alla fabbrica siciliana della Fiat era emersa durante la recente visita in India del ministro italiano dello Sviluppo economico, Claudio Scajola.
   Se ne era fatto eco il quotidiano di New Delhi Business Standard che, citando collaboratori di Scajola, aveva sostenuto che "entrambi i costruttori automobilistici hanno manifestato il loro desiderio di acquisire le linee produttive (di Termini Imerese) e si ritiene che abbiano aperto separate trattative con la Fiat".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati