Borsa, Milano inizia col botto

Prima seduta del 2010 e subito partenza sprint per l'indice di piazza Affari. Crescita dell'1,28%. Tutta Europa ha beneficiato dell'ottimismo sui dati Usa

Inizio d'anno col piede giusto per Piazza Affari. Nella prima seduta del 2010 il listino milanese ha visto l'indice Ftse Mib crescere dell'1,28% a 23.545 punti e l'indice Ftse All Share dell'1,29% a 23.957 punti. Il tutto grazie anche alla buona intonazione registrata sugli altri mercati del Vecchio Continente e soprattutto d'Oltreoceano, che hanno beneficiato di alcuni dati congiunturali Usa migliori delle previsioni.

Seduta positiva per il tandem Enel (+0,74% a 4 euro) e Stm (2,53% a 6,48 euro) che
hanno siglato un accordo insieme a Sharp per realizzare a Catania la più grande fabbrica di pannelli fotovoltaici in Italia. Nel settore, in rialzo anche Eni (+1,69% a 18,1 euro) in
scia al balzo del petrolio (sopra gli 81 dollari al barile a New York), mentre si è mossa poco A2A (+0,2% a 1,4 euro). Deboli Snam Rete Gas (-0,5% a 3,45 euro) e Terna (-0,75% a 2,97 euro). E' il titolo della Bicocca il migliore del listino principale: al termine della seduta Pirelli ha guadagnato il 4,6% a 0,43 euro. Bene anche Prysmian (+3,8% a 12,66 euro) e Fiat (+2,3% a 10,49 euro), seguite da Tenaris (+2,66% a 15,4 euro) e Cir (+2,98% a 1,86 euro), che già si era aggiudicata la maglia rosa del listino nel 2009. Denaro sul comparto bancario con UniCredit (+2% 2,39 euro), Bpm (+2,91% a 5,12 euro) e il Banco Popolare (+3,98% a 5,48 euro). Segno più anche per Ubi Banca (+1,99% a 10,24 euro), Mps (+0,81% a 1,23 euro) e Mediobanca (+0,78% a 8,38 euro), che ha annunciato a Mariella Burani di ritenere concluso il mandato per trovare un accordo sulla ristrutturazione del debito con le banche creditrici. Cauta Intesa SanPaolo (+0,48% a 3,16 euro). Tra gli assicurativi positive le Generali (+0,58% a 18.93 euro) e le Unipol (+0,94% a 0,96 euro).
Vivace l'unica matricola del 2009, Yoox (+9% a 5,69 euro), che nel suo primo mese dal debutto (3 dicembre scorso) ha messo a segno un rialzo di oltre il 30% rispetto al prezzo di collocamento (a 4,3 euro). In rialzo anche l'As Roma (+1,89% a 0,86 euro) dopo che il club giallorosso ha ufficializzato l'arrivo di Luca Toni in prestito dal Bayern Monaco. Occhi, infine, su Gabetti (+2,47% a 0,64 euro), riscoperta nell'ultima seduta del 2009. Nel resto del listino, vivace Pininfarina (+6,9% a 2,97 euro), che con la sigla degli accordi con la De Tomaso di Gian Mario Rossignolo accelera l'attuazione del piano industriale. In rosso, invece, Sopaf (-2,89% a 0,12 euro), M&C (-1% a 0,14 euro) e Coin (-1,53% a 4,51 euro)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati