Un arsenale nelle campagne nissene

Fermate otto persone che stavano organizzando omicidi contro esponenti mafiosi delle cosche di San Cataldo e Sommatino. Nascondevano le armi in un ovile

Un arsenale nascosto in un ovile, nelle campagne di Sommatino, nel Nisseno. Lì avevano nascosto le loro armi ed erano pronti per commettere omicidi. Con l'accusa di associazione mafiosa e detenzione illegale di armi sono state fermate otto persone. Farebbero parte di un clan che stava preparando una serie di attentati contro esponenti mafiosi delle cosche di San Cataldo e Sommatino.
Il blitz è stato condotto dai carabinieri del comando provinciale di Caltanissetta che hanno anche arrestato in flagranza una ragazza: Agata Cianci, 18 anni, moglie di Salvatore Mastrosimone, proprietario della masseria, tra i fermati. La giovane è stata trovata in possesso di un'arma con matricola abrasa. Nell'ovile sono stati trovati tre revolver, una semiautomatica con silenziatore, due fucili a canne mozze, due fucili da caccia, una bomba a mano e 200 cartucce di vario calibro per pistola, revolver e fucile.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati