Afghanistan, spari sugli italiani

I militari impegnati per 72 ore di fila in un conflitto a fuoco nella zona di Bala Morghab. Non ci sarebbero feriti

Settandadue ore di scontri, per i militari italiani e di Isaf, in Afghanistan. È quanto si apprende dal comando di Herat, secondo cui "nei giorni scorsi", nel corso di un'operazione congiunta per il controllo di alcuni avamposti strategici nei pressi di Bala Morghab, nell'ovest del Paese, "militari delle forze di sicurezza afghane e di Isaf, tra i quali i soldati del contingente italiano, sono stati fatti oggetto di ripetuti attacchi con colpi d'arma da fuoco e di razzi controcarro da parte di oltre 60 insorti".
Dal comando di Herat, dove non si parla di feriti tra gli italiani, sottolineano che "l'efficacia della reazione, frutto del coordinamento tra le forze in campo, ha consentito di rispondere al fuoco degli insorti e, grazie a mirate incursioni aeree alleate ed al fuoco delle armi a tiro curvo, garantire in tempi successivi la totale libertà di movimento per le truppe ed il pieno controllo dell'area".
Gli scontri, "protrattisi con brevi intervalli per più di 72 ore, si sono verificati a Bala Morghab", località in cui sorge la base operativa avanzata che ospita, insieme ad unità dell'esercito afghano e statunitense, i militari italiani della Task Force North su base 151/o reggimento della Brigata Sassari.
L'intervento delle forze Nato a Bala Morghab, secondo il comando del contingente italiano, si è concluso con "la neutralizzazione della minaccia ed il completo sostegno della popolazione civile": gli stessi responsabili delle forze di sicurezza del distretto "hanno assistito dal posto comando ad ogni istante dell'operazione coadiuvandola molto attivamente".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati